Da quando l’aggiudicatario incassa i canoni di affitto?

affitto aggiudicatario
Pubblicato da: Avv. Daniele Giordano

Supponiamo che tu abbia l’intenzione di partecipare ad un’asta giudiziaria per comprare una casa.

Dallo stato di occupazione presente nella perizia redatta dal Consulente Tecnico d’ufficio, nominato dal Giudice dell’esecuzione, emerge che l’immobile è abitato da un’inquilino in virtù di un contratto di locazione.

Il perito nello stato di occupazione fa riferimento anche alla possibilità che il contratto di locazione sia opponibile o meno all’esecuzione.

In caso positivo l’inquilino ha il diritto di occupare la casa per tutta la durata del contratto di locazione che va rispettato.

Facciamo un passo in avanti…

Ti sei aggiudicato l’immobile, al momento dell’aggiudicazione eri già informato della presenza di un inquilino con un regolare contratto di locazione (Canone previsto di 700€ al mese) opponibile, quindi decidi che possa essere un’ottima opportunità da sfruttare per incassare mensilmente i canoni d’affitto.

Quando inizierai a ricevere i canoni? Quando ti aggiudichi l’immobile o quando avviene il decreto di trasferimento?

Questa è un importantissima domanda.

Considera che, alcune volte, dall’aggiudicazione dell’immobile al decreto di trasferimento possono passare anche diversi mesi!

E’ dunque importante capire se l’aggiudicatario può già incassare i canoni di affitto prima del decreto di trasferimento o se deve aspettare i tempi lunghi del tribunale per iniziare a incassare i canoni solo successivamente al decreto di trasferimento (nel qual caso l’affitto verrà pagato, nel mentre, alla procedura esecutiva immobiliare).

Facciamo un esempio:

L’aggiudicazione dell’immobile è avvenuta a Marzo 2022. L’aggiudicatario ha versato il saldo prezzo pochi giorni dopo ma a Giugno 2022 non ha ancora ricevuto il decreto di trasferimento.

Tendenzialmente l’aggiudicatario ha fatto tutto quello che doveva fare: pagare il saldo.

E lo ha fatto anche prestissimo.

Malgrado la puntualità dell’aggiudicatario nel pagamento del saldo prezzo, è opinione comune che costui inizierà ad incassare l’affitto solo dopo la pubblicazione del decreto di trasferimento.

L’aggiudicatario comincerà a riscuotere i canoni d’affitto solo dal momento in cui sarà diventato il legittimo proprietario mediante il decreto di trasferimento emesso dal Giudice dell’esecuzione.

Il dato si ricava dal combinato disposto degli Articoli 1599, 1602, 1603 c.c. e costituisce la base del consolidato convincimento della giurisprudenza della Corte di Cassazione (sentenza n.1713/1967) la quale ha stabilito che “ Il compratore di un immobile, dato in locazione a terzi, assume la qualità di locatore e pertanto subentra, se il contrario non sia pattiziamente stabilito, in tutti i diritti ed obblighi del rapporto che non siano esauriti”.

Dottrina maggioritaria e giurisprudenza sono concordi nel ritenere che sia il decreto di trasferimento a determinare il trasferimento della proprietà in capo all’aggiudicatario (effetto traslativo si realizza dal momento del deposito del decreto in cancelleria e non dalla firma dello stesso atto).

L’aggiudicatario definitivo può chiedere di iniziare ad incassare i canoni di affitto?

Anche se questo è il parere concorde della giurisprudenza e della dottrina, ritengo che l’aggiudicatario definitivo (che abbia già pagato il saldo prezzo) possa avanzare delle pretese, in questi casi, del tutto legittimamente.

Per intenderci, qualora l’emissione del decreto di trasferimento dovesse tardare di oltre 1 anno, il danno economico dell’aggiudicatario potrebbe rivelarsi del tutto non trascurabile. Non escludo che, in questi casi, qualora il “ritardo”, fosse del tutto ingiustificato, questi possa chiedere ed ottenere parte dei canoni medio tempore incassati dalla procedura esecutiva.

Cosa succede quando l’immobile è occupato senza titolo?

L’ordinamento giuridico tutela l’aggiudicatario, siccome il contratto di locazione stipulato dopo il pignoramento è inefficace nei confronti dei terzi. Pertanto una casa data in affitto dopo l’apertura del procedimento esecutivo, darà vita ad un’ipotesi di invalidità del titolo abitativo.

Conclusioni: Prima di partecipare ad un’asta è bene informarsi sullo stato abitativo, come ho cercato di illustrarti in questo articolo, la presenza di un inquilino è un’opportunità da non sottovalutare se acquisti l’immobile con l’intenzione di fare un’affare.

Inoltre se tu dovessi riuscire ad aggiudicarti l’immobile ma a causa di un Tribunale lento nell’adozione del decreto di trasferimento, dovessi perdere la possibilità di ricevere i canoni potresti presentare un’istanza al giudice per sollecitarlo, oppure richiedere il risarcimento dei danni al delegato professionista quando il ritardo sia attribuibile ad una sua negligenza, imprudenza o imperizia.

Ti ricordo, invece, che per gli immobili liberi non c’è nessun problema. Una volta emesso il decreto di trasferimento ti verranno consegnate le chiavi di casa.

Se vuoi approfondire, invece, gli aspetti più rilevanti dell’acquisto di un immobile occupato leggi “Comprare un immobile occupato: vantaggi e svantaggi

In un recente approfondimento ci siamo chiesti chi sia tenuto a restituire il deposito cauzionale in caso di acquisto all’asta di una casa con contratto di locazione opponibile, per info leggi “Casa all’asta e deposito cauzionale: chi paga?

Se vuoi sapere esattamente cosa fare dopo l’aggiudicazione dell’immobile all’asta leggi l’articolo “Cosa fare dopo l’aggiudicazione all’asta?“. Certamente, oltre al versamento del saldo prezzo, dovrai chiedere, almeno secondo la maggior parte dei tribunali italiani, a pena di decadenza, l’assistenza del custode nella liberazione dell’immobile occupato.

Vuoi sapere cosa il debitore può portare via dalla casa all’asta dopo l’aggiudicazione? Leggi il nostro contenuto “Cosa può portare via il debitore dalla casa all’asta?”

Per approfondire l’argomento sfratti-immobili occupati leggi l’articolo “Immobili occupati: come fare?”.

Molte persone ci chiedono Posso sapere quante persone partecipano ad un’ asta??? clicca sul link per scoprirlo!

Hai intenzione di liberare l’immobile acquistato all’asta? Posso consigliarti un metodo con il quale risparmierai tempo, energie e soldi.

Per approfondire gli aspetti relativi alla visita dell’immobile all’asta leggi anche “Quanto tempo ci vuole per visitare un immobile all’asta?

Per le visite agli immobili ti consigliamo l’articolo “L’inquilino può opporsi alle visite dei potenziali acquirenti?. Alcune volte potresti aver letto immobile in corso di liberazione, vediamo cosa significa in questo articolo.

Se ti interessa l’argomento acquisto all’asta e affitto oppure hai letto che l’immobile che vuoi acquistare all’asta è affittato ti invito a leggere l’articolo “Casa all’asta con contratto di affitto: cosa fare?” e l’approfondimento giuridico “Locazione asta: opponibilità e proroga“.

    Condividi:

    Grazie ad Astafox il  primo studio legale che si occupa esclusivamente di aste giudiziarie, abbiamo già aiutato oltre 200  persone ad acquistare all’asta senza muovere un dito!

    Con Astafox

    • Ti seguiamo in ogni fase dell’acquisizione;
    • Scoviamo, per te, i principali cavilli burocratici;
    • Risolviamo i problemi nascosti;
    • Presentiamo l’offerta di acquisto e partecipiamo alla successiva gara
    • Liberiamo, rapidamente, l’immobile occupato successivamente all’aggiudicazione 
    man in black crew neck t-shirt

    Evita di finire nel girone infernale degli acquirenti inesperti (o seguiti male)!


    Con Astafox

    • Eviti di inciampare in complesse pratiche burocratiche
    • Eviti di compilare moduli e moduletti trovati su internet senza sapere a quale risultato porteranno;
    • Eviti di dover “pregare” il custode giudiziario per avere ciò che ti spetta di diritto
    • Eviti di doverti imbizzarire in attesa del decreto di trasferimento
    • Eviti di dover “stra-pagare” un’agenzia immobiliare per non fare praticamente nulla
    Stai cercando
    Avvocati con esperienza?
    Siamo specializzati nelle aste giudiziarie

    Cerchi una Guida completa sulle Aste Immobiliari

    “I Segreti delle aste Immobiliari” è una guida semplice, facile e comprensibile per chi vuole acquistare all’asta, evitando brutte sorprese

    *Ebook in promozione a 9,99 anzicché 16,99 fino al
     31 luglio 2024!!!